PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Topolino e la piramide impossibile
  • Commenti




Topolino e la piramide impossibile è una storia in due parti di Massimo Marconi e Massimo De Vita, pubblicata nel numero 1868 di Topolino.

Trama[]

Parte 1[]

Topolino e Pippo vengono convocati da Zapotec al Museo per un lavoro con la Macchina del tempo. In realtà, una volta arrivati, scoprono che il Museo sta cadendo a pezzi e deve essere ricostruito; il loro lavoro è solo quello di spostare fisicamente la macchina. Zapotec e Marlin, più litigiosi del solito durante tutta la storia, spiegano che sposteranno il Museo in periferia temporaneamente, ma la macchina (smontata) dovrà essere spostata di nascosto da sguardi indiscreti.

Qualche tempo dopo, Topolino e Pippo sono convocati al Museo provvisorio per una vera missione stavolta. Prima di cominciare i due professori illustrano ai loro amici le caratteristiche dello zinco, sia riguardo alle sue proprietà (dal combattere la ruggine e proteggere i materiali agli effetti benefici sul fisico) che alla sua storia da quando è stato scoperto e le sue evoluzioni fino al presente. Zapotec racconta che recentemente, seguendo le indicazioni di un antico papiro, è stata trovata in Egitto una piccola piramide che ha 5000 anni, ma che è fatta interamente di zinco il che è un anacronismo storico.

Il gruppo parte per l'Egitto (con Topolino e Pippo costretti ancora a trasportare la macchina del tempo) dove incontrano il responsabile degli scavi, Badil-Keskav, ansioso che l'enigma sia risolto. Topolino e Pippo indossano così abiti da antichi egizi e, mentre i due professori sono intenti a litigare di nuovo, tornano indietro di 5000 anni. Contemporaneamente, dentro la piramide, delle misteriose creature si risvegliano dal loro sonno e sono ansiose di partire.

Parte 2[]

Topolino e Pippo si ritrovano nel passato e vedono le stesse creature intente ad armeggiare intorno alla piramide. Uno scriba, El Kurios, spiega loro che sono degli dèi scesi dal cielo e quella piramide l'hanno costruita loro. Topolino capisce che si tratta di alieni e decide di andare a parlare direttamente con loro. Gli alieni si dimostrano pacifici e, dopo aver saputo della vera provenienza dei due umani, raccontano loro che tempo addietro sono precipitati con la loro navicella ed hanno dovuto costruirne una nuova riciclando i vecchi materiali. Gli alieni spiegano che loro chiamano lo zinco col nome di Vitax poiché per loro è un elemento vitale non solo per le loro macchine, ma anche per il loro fisico che gode di lunga vita e buona salute grazie ad esso. Topolino presenta agli alieni El-Kurios a cui raccontano, continuando a fingere di essere dèi, che hanno costruito la nave in un secondo (cosa che lo scriba trova strana dato che li ha visti armeggiare per settimane) e stanno per tornare nella loro "dimora celeste". Dopodiché si chiudono dentro dicendo che riposeranno per un giorno prima di partire. Solo allora Topolino si rende conto che, se nel presente la piramide è ancora lì, dev'essere successo qualcosa. Ma ormai il tempo per il viaggio è finito e lui e Pippo tornano nel presente.

Zapotec e Marlin informano Badil dell'origine aliena della piramide (evitando di menzionare il viaggio del tempo) e viene quindi deciso di provare a forzarla il giorno dopo. Durante la notte però Zapotec ha un'intuizione riguardo al commento di El-Kurios sul "secondo" e, dopo aver parlato col centro d'astronomia di Topolinia, si chiude nel laboratorio-container a lavorare. La mattina dopo interviene giusto in tempo a far allontanare gli operai dalla piramide che all'improvviso si solleva in volo e parte a razzo nello spazio. Zapotec spiega che gli alieni hanno un concetto del tempo diverso quello terrestre poiché il loro pianeta d'origine (il settimo della ventiduesima galassia) ha un tempo di rotazione di 1.850.000 volte maggiore rispetto alla Terra e quindi il loro "giorno" consta di 5000 anni precisi. Marlin commenta che avrebbe potuto chiedere il suo aiuto per i calcoli facendo partire l'ennesima lite.

Tempo dopo il nuovo Museo è pronto e i due professori, dopo aver fatto di nuovo portare la macchina del tempo a Topolino e Pippo, spiegano che stavolta hanno usato molto zinco per farlo durare di più. Pippo commenta che spera che abbia anche effetto sui due professori così che riescano a conversare un po' senza litigare.

Pubblicazioni italiane[]

  • Topolino 1868 (1991)
  • Topolino Adventure 7 (1996)
  • Super Miti Mondadori 17 - I nuovi enigmi di Paperamses - Nel cuore della sfinge (2000)
  • I Mitici Disney 30 - Zapotec (2009)
  • Disney Big 73 (2014)
Advertisement