PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Topolino e Orazio nel castello incantato
  • Commenti





"Caro signore, stiamo perfezionando una fantastica invenzione, ma abbiamo bisogno del vostro aiuto! Venite a Castel Fosco alle dieci di stasera! Ci appelliamo a voi nell'interesse della scienza! Non deludeteci!"
Lettera dei professori a Topolino

Topolino e Orazio nel castello incantato (Blaggard castle in originale) è una storia Disney di Floyd Gottfredson e Webb Smith, uscita sui quotidiani tra il 1932 e l'anno successivo. Si tratta probabilmente della vicenda più famosa e apprezzata dove Orazio fa da spalla a Topolino.

Trama[]

Con una lettera di richiesta di aiuto, i professori Acca, Kappa e Zeta attirano Topolino nel misterioso Castel Fosco, una dimora fin lì ritenuta disabitata. Con lui c’è Orazio, che pensa subito a una trappola e si offre come protezione ma durante il cammino sotto un acquazzone viene spaventato perfino da un leprotto. Sul portone, dopo aver suonato il campanello una botola si spalanca ai loro piedi e precipitano in un sotterraneo alquanto singolare, dove i quadri e le armature parlano.

Un’altra botola si apre e fa sparire Orazio, che viene preso prigioniero dai professori per essere sottoposto a un esperimento: sarà colpito da un raggio ipnotico di loro ideazione con cui intendono dominare il mondo. Ma il rischio, in caso di fallimento, è che il cervello di Orazio venga bruciato dal raggio. Il tentativo riesce e Orazio viene liberato nei sotterranei ormai schiavo dei professori, con l’ordine di eliminare chiunque altro, compreso Topolino, che lo incontra, ma viene inseguito e malmenato. I professori invertono il raggio e, attivandolo a distanza, liberano temporaneamente Orazio dall’ipnosi, per poter avere poi la conferma del buon funzionamento con un secondo tentativo. Topolino viene informato dall’amico disperato dopo aver capito che cosa gli è capitato.

Per difendersi, Topolino realizza un casco da una coppa di peltro e, a differenza di Orazio, di nuovo succube, lui sfugge all’ipnosi quando il raggio viene riattivato. Tuttavia i professori non si accorgono dell’espediente e sono costretti a rivolgersi al loro capo, Zeta, per avere lumi. Lo scienziato stabilisce di dover prendere i cervelli di entrambi per studiarne le differenze e capire come mai su uno il raggio non ha funzionato.

Topolino si cala in una fossa di alligatori che difende l’ingresso alla sala del raggio e servendosi di un bastone come salto con l'asta riesce a sbucare proprio al comando dello strumento. Attivandolo, ipnotizza i professori e li obbliga a dimenticarsi di tutta la vicenda del raggio ipnotico nonché a lavorare per inventare qualcosa per il bene dell’umanità.

Il castello viene fatto esplodere, ma dentro ci sono ancora Minni e Clarabella, che erano partite alla ricerca dei fidanzati dopo aver trovato la lettera: per fortuna le due escono illese dall'esplosione passando da quel che resta del portone principale.

Edizioni italiane[]

  • Topolino giornale (1933)
  • Albi Nerbini (1934)
  • Nel regno di Topolino 73 (1939)
  • Albi d'oro 72 (1947)
  • Albi della rosa 21 (1955)
  • Topolino d'oro 7 (1971)
  • Topolino collezione ANAF (1983)
  • Le grandi storie di Walt Disney 17 (1988)
  • Il Messaggero 46 (1989)
  • Gertie Daily 206 (1992)
  • Collana Special Mongo 118 (1997)
  • Gli anni d'oro di Topolino 33 (2010)
  • Floyd Gottfredson Library 3 (2013)
Storia precedente Topolino e Orazio nel castello incantato Storia successiva
Topolino e i piratiPirati 12 novembre - 10 febbraio 1932 Pluto e l'accalappiacaniPluto e l'accalappiacani II
Advertisement