PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Topolino e Lea leonessa buffa
  • Commenti




Topolino e Lea leonessa buffa (titolo originale: Goofy and Agnes; altri titoli italiani, Topolino e la leonessa buffa, Pippo e la bella Lea, Pippo e la leonessa buffa) è una storia a strisce sceneggiata da Merrill De Maris e Floyd Gottfredson e disegnata dallo stesso Gottfredson, apparsa sui quotidiani statunitensi fra il maggio e l'agosto del 1942. Si può considerare la prima storia Disney in cui Pippo ha il ruolo di protagonista.

Trama[]

Topolino riceve una telefonata da Pippo, che lo invita a casa sua per presentargli una sua nuova amica, tale Lea. Il topo si rallegra pensando che il suo amico abbia trovato una fidanzata, anche se rimane perplesso alla richiesta di portare con sé dieci chili di carne per la misteriosa Lea.

Una volta da Pippo, Topolino rimane sconcertato scoprendo che Lea è un leone, con tanto di criniera, anche se secondo Pippo si tratta di una femmina. Superato il primo momento di terrore (in effetti il felino è del tutto inoffensivo), il topo si fa spiegare dal suo amico l'avvenuto: poco prima Pippo, passando vicino a un circo, aveva visto che i proprietari stavano per sopprimere un leone, che a lui aveva ricordato una sua vecchia fiamma, e si era imposto bruscamente per salvarlo e per portarlo con sé.

Topolino persuade Pippo a riportare Lea al circo, sperando che l'animale possa essere restituito. Tuttavia, il direttore del circo è inflessibile: il leone non poteva servire agli spettacoli, perché troppo mansueto perfino per le esigenze di circo; Pippo aveva accettato di comprarlo per cinque dollari e si doveva considerare suo a tutti gli effetti.

Nuovamente a casa, i due devono affrontare una serie di disastri che combina Lea: Topolino è sempre più preoccupato, mentre Pippo appare imperturbabile e difende a spada tratta la sua protetta. Quando il leone inizia a ruggire rumorosamente in giardino terrorizzando i vicini, questi fanno scattare una denuncia: tuttavia, quando si presenta un poliziotto Pippo gli chiede se esiste una legge che vieta di tenere leoni in casa, e alla risposta evasiva replica che in quel caso tenere Lea è un suo diritto.

Le situazioni comiche e grottesche con il leone protagonista si susseguono, coinvolgendo fra l'altro Clarabella, Minni e Pluto (ma quest'ultimo, dopo una prima incertezza, si ribella a Lea che finisce per salire su un albero terrorizzata). Una svolta sembra prodursi quando Pippo, senza accorgersi di avere il felino a bordo, parte a bordo della sua macchina e subisce una zampata che inavvertitamente il leone gli dà sulla testa: il guidatore sbanda e provoca un incidente nella casa di una vicina, a cui fra l'altro Lea distrugge il giardino, attratta dall'erba gatta lì coltivata. Ancora una volta il pippide finisce al commissariato, ma, pur dichiarandosi disposto a pagare i danni, insiste sul fatto che la legge non gli vieta di tenere Lea in casa sua.

I vicini di Pippo, esasperati e impauriti, promuovono una petizione perché il leone sia allontanato e la rivolgono al municipio. Il consiglio comunale, mosso dalla paura di perdere i voti di tanti elettori, discute la questione, e dato che non c'è nessuna legge che impedisca formalmente a Pippo di tenere l'animale, si decide di mandare il sindaco in persona a trattare l'acquisto del leone. Il primo cittadino usa tutta la sua prosopopea per fare colpo su Pippo, tanto che questo finisce quasi per firmare, ma Topolino lo trattiene in tempo chiedendo espressamente quale sarà il trattamento riservato a Lea: dato che il sindaco fa intendere che sarà soppressa, Pippo si infuria e chiude qualunque trattativa.

La situazione rimane in stallo, almeno finché il consiglio comunale non farà approvare una legge che vieti espressamente il possesso di un leone in una casa privata. Nel frattempo viene incaricato della cattura un accalappiacani, che però riesce a prendere il leone prima che la legge sia approvata, col risultato che deve restituire Lea a Pippo. D'altra parte quest'ultimo confida a Topolino che il leone, col suo poderoso appetito, lo sta mandando in rovina, e anche lui ormai sarebbe favorevole a trovare una soluzione di compromesso che garantisca a Lea una vita serena.

La legge "anti-leoni" viene finalmente approvata, ma proprio quando si presenta l'accalappiacani con le carte in regola per una requisizione di Lea, si scopre che essa ha dato alla luce due leoncini. In effetti, si tratta di una femmina; la criniera era un posticcio che nel circo in cui si trovava le avevano incollato indosso per far pensare a un leone maschio. Data la presenza dei cuccioli, la normativa - che si riferisce solo a leoni adulti - non può essere applicata, e si deve lavorare quindi a un emendamento che porterà via altro tempo.

Nel frattempo, Topolino ha una sua idea e per questo passa giornate intere in un garage in compagnia di Lea e dei cuccioli. Dopo un po', si scopre che i tre animali sono stati perfettamente addestrati per un numero di spettacolo: a queste condizioni, un nuovo circo si interessa a loro e si dichiara disposto a prenderli e a trattarli con tutti i riguardi, pagando una congrua somma a Pippo. La legge "anti-leoni" quindi non ha motivo di essere applicata, e la vicenda si conclude con soddisfazione di tutti.

Pubblicazioni in Italia[]

La storia è stata pubblicata tredici volte in Italia:

  • Topolino (giornale) 622-630 (1947)
  • Albi d'oro 26 - Topolino e Lea leonessa buffa (1955)
  • Oscar Mondadori (Oscar Fumetto) 281 - I pensieri di Pippo (1970)
  • Topolino d'oro 30 (1973)
  • Topolino collezione ANAF 45-0 - Topolino e Lea, leonessa buffa (1984)
  • Il Messaggero 52 - Topolino - Pippo e la bella Lea (1990)
  • Disney Video Parade 6 - Pippo e la bella Lea e altre storie (1993)
  • Il meglio di... 2 - Il meglio di Pippo (1999)
  • Omaggio Carlo Erba 2 - Il meglio di... (2001)
  • Gli anni d'oro di Topolino 6 - Il misterioso corvo (2010)
  • Disney Special Books Panini 11 - I pensieri di Pippo p. 019 (2022)
  • Topolino (giornale) (ristampa Comic Art) 29 - Topolino di Arnoldo Mondadori - 1947/1
  • Topolino (giornale) (ristampa Comic Art numeri sfusi) 622-630
Storia precedente Topolino e Lea leonessa buffa Storia successiva
Topolino e il mistero delle collane 4 maggio - 15 agosto 1942 Topolino e il misterioso corvo
Advertisement