PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Paperino in cerco casa ostinatamente
  • Commenti





Paperino in cerco casa ostinatamente è una storia di Jacopo Cirillo e Silvio Camboni, pubblicata sul numero 2954 di Topolino.

Trama[]

Paperino vuole godersi un pò di riposo a casa sua, ma si trova a litigare coi nipotini per il troppo chiasso che fanno ed il fatto che lascino tutto in disordine. Come non bastasse si presenta Zio Paperone che vuole 200 dollari per l'affitto che gli servono per eguagaliare il suo record di soldi guadaganti il mese scorso. Paperino si infuria ed esce di casa lamentandosi dei suoi parenti e di come tutto sia sulle sue spalle. Alla fine comunica a zio e nipotini che se ne andrà a vivere da un altra parte.

Dopo aver scartato l'ipotesi Paperoga per ovvi motivi, Paperino và da Pico il quale ha trasformato la sua casa in una libreria per via di tutti i volumi che ha accumulato. Ma dopo una nottata passata al freddo per via degli spifferi creati dai libri e per evitare i noiosi discorsi di Pico, Paperino rinuncia andando al laboratorio di Archimede. L'inventore accetta di ospitarlo, ma Paperino, dopo aver provato sulla pelle alcune sue invezioni nel tentativo di fare uno spuntino, cambia idea e, sotto suggerimento del Cappello Pensatore, decide di provare col cugino Gastone. I due si incontrano casualmente per strada e Gastone accetta di ospitarlo spiegandogli che però ha recentemente modernizzato la sua casa dopo aver vinto degli apparecchi per la domotica. Ora per ogni cosa è necessario spingere un tasto sulla schermata principale. Gastone non ha problemi dato che, con la sua fortuna, gli basta premere a caso per avere quello che gli serve. Naturalmente, con la sua sfortuna invece, a Paperino non ne va bene una e quindi scarta anche questo alloggio.

Paperino comincia a passare da tutti quelli che conosce (Ciccio, Brigitta e persino i Bassotti) provando alla fine anche con Paperoga con l'inevitabile disastro. Rassegnato, ritorna a casa sua dove scopre che Qui, Quo e Qua hanno messo tutto in ordine e, pensando stiano dormendo, si scusa per aver reagito in modo impulsivo e dice di aver capito che solo lì è davvero padrone del suo destino ed è giusto che si assuma le sue responsabilità. In raeltà sotto le lenzuola ci sono solo i giocattoli che i nipotini hanno messo lì provando a ridordinare in maniera raffazzonata. Questi questi tornano in casa un pò sporchi ed in imbarazzo, li accoglie con un pò di sarcasmo. I tre spiegano però che se fossero in grado di cavarsela da solo allora non avrebbero bisogno dello zio come invece è nella realtà. Alla fine Paperino li perdona ed i 4 passano una serata in allegria vedendo la tv.

Pubblicazioni italiane[]

Advertisement