PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Paperino e i Geosegugi puntatori
  • Commenti




Paperino e i Geosegugi puntatori è una storia di Riccardo Pesce e Stefano Zanchi, pubblicata sul numero 3104 di Topolino.

Trama[]

Paperino è stato costretto da Zio Paperone a partecipare ad una gara, organizzata dalle aziende produttrici di navigatori satellitari, che si svolge su un'isola lontana nel groviglio della Mangrovia Intricata e la vittoria sarà assegnata a chi, grazie al suo GPS, recupererà delle bandierine sparse. Ad osservare la gara da Paperopoli ci sono tutti i produttori tra cui Paperone e Rockerduck che si vanta di aver assunto la famosa esploratrice Pon Pon Raider. Giunge notizia che une tempesta solare ha messo fuoriuso tutti i dispositivi elettronici ed ora i concorrenti sono isolati. Il giorno dopo però i concorrenti riescono a uscire dalla mangrovia grazie a Paperino che però non ha usato il GPS.

Quando Paperino torna in città mostra ai suoi parenti come ha fatto ad uscire ovvero grazie ad uno strano cane chiamato "geosegugio puntatore". La sua coda è a forma di punta e funge da indicatore direzionale; basta dirgli la meta da raggiungere e lui ti porta a destinazione. Paperino rifiuta di partecipare ad un'altra gara e, nonostante le proteste dello zio, se ne torna a casa coi nipotini. Tuttavia, riflettendo sulla sua amaca, ha un'idea e decide di tornare nella Mangrovia. Mentre sta uscendo Pico riconosce il geosegugio su cui sta scrivendo un trattato.

Tempo dopo, Paperone comincia a notare per strada la presenza di diversi geosegugi che accompagnano i cittadini e scopre che Paperino si è messo in affari pubblicizando e vendendo i cani al posto dei navigatori. Qui, Quo e Qua commentano che effettivamente il suo business sta avendo successo. Paperino si addormenta sull'amaca quando viene svegliato da Rockerduck che vuole comprare la sua attività. Ma si presenta anche Paperone che fa leva su tutti i debiti che ha Paperino verso di lui minacciando, tramite il suo avvocato, di chiederne il pagamento di tutti a meno che non gli ceda il suo business. Paperino accetta mentre Paperone, gongolando, torna al Deposito incrociando un Pico preoccupato.

Più tardi Paperone capisce la preoccupazione di Pico: i geosegugi stanno andando via in massa dalla città trascinandosi dietro i loro padroni. In cerca di spiegazioni, Paperone si reca dal nipote e trova Pico che spiega che i geosegugi una volta all'anno migrano tornando nella Mangrovia Intricata. Paperone, immaginando già le valanghe di richieste di risarcimento, sviene mentre Qui, Quo e Qua spiegano che lo zio è scappato poco prima. Travestito da albero, Paperino si nasconde nella Mangrovia con un furioso Zio Paperone a dargli la caccia.

Pubblicazioni italiane[]

Advertisement