PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Paperinik e la mania collezionistica
  • Commenti




Paperinik e la mania collezionistica è una storia di Giorgio Pezzin e Massimo De Vita, pubblicata sul numero 1676 di Topolino.

Trama[]

Al Club dei Miliardari i vari soci, incluso Rockerduck, sfoggiano e parlano delle loro collezioni di cianfrusaglie specifiche. L'unico che è tagliato fuori è Paperone che colleziona solo cose relateive al denaro e per questo viene buttato fuori poichè ritenuto non alla moda. Paperone si sfoga con Paperino ed i nipotini dicendo che ormai a Paperopoli ci sono collezionisti ovunque e non saprebbe da dove cominciare una qualsiasi collezione alla moda senza contare il prezzo dei pezzi più rari.

Paperino invita così a cena lo zio per tirargli sù il morale. Quando Paperone cerca cianfrusaglie in soffitta finisce per trovare un guantone appartenente a Paperinik e Paperino, per giustificarsi, dice che l'eore deve averlo dimenticato. Paperone ha così un idea: collezionare oggetti appartenuti a Paperinik. Paperino durante la sera nota che effettivamente ha accumulato molti oggetti che non usa più ed il giorno dopo si presenta al Deposito, per conto dell'eroe, e ne vende alcuni allo zio. Paperone decide di mettere la sua idea a frutto e fa sapere ai media della sua collezione e la possibilità di vederla a pagamento nel suo Deposito. In questo modo riguadagna anche la stima dei soci del Club.

Durante la ronde notturne di Paperinik si presentano però dei problemi. Diversi paperopolesi vogiliono infatti avere una loro personale collezione e cercano di prendere qualsiasi oggetto abbia addosso l'eroe arrivando quasi a spogliarlo (persino la 313 viene depredata). Paperone chiede quindi al nipote un pezzo unico ovvero la maschera dell'eroe e, di fronte alla risposta negativa del nipote, decide di mettere una taglia sull'eroe.

Paperino deve trovare il modo di fermare la mania delle collezioni ed ha un idea. Nelle vesti di Paperinik fa arrivare ai Bassotti in prigione un giornale dove si parla della collezione dei suoi oggetti. I criminali ipotizzano la possibilità di fabbricare dei falsi e truffare i cittadini; Paperinik li fa così evadere senza che se ne accorgano in modo che mettano in pratica il loro piano. Realizzano e venono diversi falsi, inclusa la maschera di Paperinik. Sia Paperone che altri cittadini realizzano di essere truffati e la polizia arresta i Bassotti grazie ad un aiuto indiretto di Paperinik.

La notizia della truffa fa sì che la gente smetta di collezionare i suoi oggetti e Paperinik può ritornare tranquillamente alle sue ronde. All'alba però si presentano improvvisamente Paperina e Chiquita a casa di Paperino per una gita mentre questi sta riponendo il suo costume. Per fortuna, Paperina, trovando il costume, pensa solo che anche lui sia stato truffato come gli altri. La sua identità segreta così è salva anche se Paperino deve sorbirsi le prese in giro della fidanzata.

Pubblicazioni italiane[]

Advertisement