PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Paperinik e il rivale sleale
  • Commenti





Paperinik e il rivale sleale è una storia di Riccardo Pesce e Luca Usai, pubblicata la prima volta sul numero 2926 di Topolino.

Trama[]

Paperinik sta guardando un servizio televisivo che parla di come Rockerduck ha finanziato il ritrovamento nel fiume Tulebug di un reperto archeologico, un antico strumento muscale degli aborigeni che tempo fa venne rubato dal museo chiamato Disgeridoo. Paperinik ricorda con amarezza quando l'oggetto fu derubato da Duck Bill, il Papero dai Mille Volti abile nel travestimento, e i due si affrontarono su un ponte col ladro che gettò lo strumento in acqua e riuscì a scappare promettendo vendetta mentre Paperinik tentò senza successo il recupero.

I giorni scorrono senza che succeda nulla di interessante quando una mattina Paperino e Qui, Quo, Qua vedono alla tv un servizio che parla dell'arrivo di un nuovo eroe mascherato a Paperopoli, Rocket Ranger. tempo dopo i 4 si recano all'apertura del nuovo centro commerciale di Rockerduck quando il posto viene attaccto da dei banditi con mascherina e bombetta. Paperino, nelle sue vesti civili, è costretto a fare il codardo nascondendosi in un carrello della spesa quando arriva Rocket Ranger che, armato di boomerang, mette in fuga i criminali. Il nuovo eroe, dopo aver messo in fuga dei pirati informatici che avevano assaltato la Rockerduck tower, comincia a conquistare rapidamente i paperopolesi che iniziano a portare una spilla col suo volto susitando così la gelosia di Paperino che vede Paperinik messo in secondo piano. Inoltre è convinto che abbia qualche legame con Rockerduck il quale, insieme al sindaco ha indetto una festa per celebrare il nuovo eroe e ringraziarlo facendogli addirittura una statua. Paperinik si presenta cercando di far capire ai cittadini come sia strano che Rocket Ranger si presenti solo quando le proprietà di Rockerduck vengono attaccate, ma viene accusato di essere geloso. Dopo aver restituito una delle sue spille a Rocket Ranger, Paperinik è così costretto ad andarsene e Rockerduck annuncia anche la sua intenzione di esporre per i cittadini il didgeridoo restaurato al suo palazzo. E Rocket Ranger farà da guardia dato che gli uomini in bombetta hano minacciato di rubarlo.

Paperinik è convinto che ci sia un disegno dietro utto per tagliarlo fuori. Scesa la notte, Lusky e Rockerduck sono a guardia del didgeridoo col secondo che confessa che la storia di Rocket Ranger è in realtà tutta una trovata pubblicitaria che sfrutta la passione dei cittadini per gli eroi. Infatti l'ultimo passo è fargli sventare in finto furto del didgeridoo per consolidare la sua fama e promuovere i prodotti della RK. Ma quando arriva Rocket Ranger questi afferma che il furto ci sarà davvero perchè la banda delle bombette è reale e lui ne è il capo. Ma c'è un altro colpo di scena: Rockerduck è in realtà Paperinik mascherato. Il supereroe riesce a sbarazzarsi degli scagozzi di Rocket e farlo colpire dal suo stesso boomerang. Compare quindi il vero Rockerduck con la polizia. Papernik spiega che la spilla che aveva ridato al criminale in realtà nascondeva una microcamera grazie alla quale ha scoperto del suo accordo con Rockerduck, ma anche che voleva derubarlo sul serio. Ma alla base di tutto non c'è il denaro, ma il rancore per uno smacco subito in passato. Infatti Rocket Ranger non è altri che Duck Bill che si scopre non essere nemmeno un papero, ma un ornitorinco ed è per questo che non riusciva trovarlo tra gli schedari dei paperi criminali. Bill deve ammettere che ha perso la faccia nel vero senso della parola.

Pubblicazioni italiane[]

Advertisement