PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Paperinik... mai più Paperino
  • Commenti





Paperinik... mai più Paperino è una storia di Pietro Zemelo e Renata Castellani, pubblicata sul numero 3218 di Topolino.

Trama[]

A causa dei suoi impegni come Paperinik, Paperino è in ritardo per il suo lavoro di lucidatore di monete per Zio Paperone che, ironicamente, loda le gesta dell'eroe mascherato leggendo come abbia sventato una rapina. Paperino si reca, dopo il lavoro, da Paperina in un vecchio teatro per aiutare Qui, Quo, Qua e le Giovani Marmotte ad allestire uno spettacolo di beneficenza. Purtroppo deve assentarsi a causa di un'emergenza che necessita di Paperinik, il quale dovrebbe comparire alla recita sotto richiesta di Paperina. Paperino è stanco di vivere nell'ombra del suo alter-ego e, poiché tra i due è Paperinik l'identità di successo, prende una decisione scioccante: rinunciare a essere Paperino!

La mattina dopo, Qui, Quo e Qua, con loro grande sorpresa, trovano Paperinik a preparare la colazione. L'eroe spiega che Paperino è in missione segreta al Polo Sud e si occuperà lui di loro. Paperinik ha molto più tempo da dedicare alla cattura dei criminali e la sua popolarità sale. Mentre accompagna Paperina a una mostra, è chiamato a proteggere Paperone dai Bassotti annunciandogli che non vedrà il nipote per un bel po' e lasciandolo sgomento. Paperinik ottiene un invito gratuito in un ristorante esclusivo per Paperina che però ha uno scatto d'ira quando sente denigrare il fidanzato e torna a casa chiedendogli di farla contattare da Paperino poiché le manca molto. A casa, anche i nipotini sentono la mancanza dello zio che doveva aiutarli a costruire un modellino anche se avrebbe combinato un disastro, e i tre ripensano a diversi momenti divertenti passati insieme.

Vedendoli così tristi, Paperino si commuove e il giorno dopo si ripresenta a colazione (preparando le sue speciali frittelle) nelle sue normali vesti e col modellino pronto. Paperino si rimette anche alla pari col suo lavoro di lucidatore di monete e lo zio gli dà il bentornato. Più tardi si presenta da Paperina per portarla allo spettacolo di beneficenza. Vedendolo ricomparire all'improvviso, Paperina, dopo una breve sfuriata, lo abbraccia e bacia non nascondendo la sua felicità. Arrivati tutti al teatro, Paperina gli chiede se Paperinik si presenterà e Paperino la rassicura che arriverà perché l'eroe non è mai troppo distante.

Analisi[]

Mai più Paperino

La storia ha come punto principale il conflitto tra le due vesti di Paperino e Paperinik, un aspetto raramente toccato dagli autori. Viene presa come ispirazione una celebre storia di Spiderman (Mai più Spider-Man!) dove Peter Parker abbandona la sua identità da supereroe a causa dei problemi che l'alter ego gli procura con la sua vita normale. E' anche rivisitata la celebra pagina in cui il costume è abbandonato in un secchio della spazzatura. Ma in questo caso i ruoli sono invertiti con Paperino che rinuncia alla sua identità civile per essere un eroe 24 ore su 24. Se Peter Parker ritorna a essere un eroe per il bene degli altri, Paperino ritorna a essere sé stesso per la sua famiglia che lo ama sia coi suoi pregi sia coi suoi difetti.

Pubblicazioni italiane[]

Advertisement