PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki



Korinna-Profunda contro suo padre, Everett.

"Per colpa di nostro padre, della sua codardia, del suo egoismo, siamo state separate da nostra madre. Fumo ibernate, ma qualcosa non andò per il verso. Precipitammo su questo pianeta. Nostro padre ci abbandonò... e quando tornò da noi, molte cose erano cambiate! Ha rubato la nostra infanzia, capisci?"
Korinna esterna tutto il suo rancore nei confronti di Everett Ducklair, rivolta a Pikappa in PK² 11
"Per il potere!"
Korinna rivolta a suo padre Everett in PK² 18
"Pikappa! Hai tradito me e mia sorella aiutando mio padre a sconfiggerci, ma come vedi non è servito a molto! Sei pronto a pagare il prezzo dei tuoi errori?"
Korinna rivolta a Pikappa e il Razziatore in PKNE #6

Korinna Ducklair, nota anche col il soprannome di Profunda è un personaggio che compare come una dei principali antagonisti nella serie PK², compresa anche nella serie PKNE. È una delle due figlie di Everett Ducklair nonché sorella maggiore di Juniper Ducklair. Come tutti i membri della famiglia Ducklair è un'aliena proveniente dal pianeta Corona.

Aspetto e carattere

Korinna è una papera alta e snella con una capigliatura mora tagliata corta a scalare in avanti. È piena di rancore nei confronti del padre colpevole di averla strappata dal suo paese natale e di averla costretta a vivere dieci anni della sua vita in animazione sospesa. Cerca in ogni modo di vendicarsi di Everett a volte sfruttando persino Pikappa per cercare di realizzare i suoi piani. È molto legata alla sorella, il suo unico affetto.

Korinna ha dei poteri mentali superiori alla media rispetto alle altre papere di Corona, che sfrutta in maniera egregia. Possiede infatti un alto livello di empatia che le permette di dar vita alle peggiori paure dei suoi avversari, causando incubi e sconvolgendo la mente delle persone, come accade a Hobey Robson che per molto tempo fu sotto il controllo mentale di Korinna.

Rispetto alla sorella è più diretta e non nasconde l'odio e la rabbia che albergano nel suo cuore, mostrando un'emotività travolgente e furiosa. Dagli insegnamenti della madre ha tratto la convinzione che infanzia e svaghi siano solo distrazioni dalle "cose importanti" e che l'unica cosa che conti sia prepararsi freddamente a un destino di comando. Ciò nonostante, è capace di provare istintivamente emozioni umane, come quando è costretta ad abbandonare i due bambini a cui ha fatto da babysitter e ai quali, seppur in maniera tossica, aveva iniziato a voler bene.

A differenza di Juniper, totalmente priva di dimestichezza con la tecnologia, Korinna è un'abile scienziata e inventrice, avendo ereditato il cervello del padre: è infatti riuscita a creare, pur essendo ancora frastornata e semi-amnesiaca dopo il lungo sonno criogenico, un risuonatore di panico perfettamente funzionante, oltre ad essere capace di riconoscere a colpo d'occhio i punti deboli dei robot guardiani di suo padre. Nel suo soggiorno sulla Terra è inoltre riuscita con successo a riprogrammare il Custode della Camera Omega, una potente subroutine autonoma dell'intelligenza artificiale Uno, rendendola un agente dormiente fedele esecutore dei suoi ordini.

Tornata su Corona, il suo cuore si è ulteriormente indurito quando è stata separata dalla madre per la seconda volta, con la scomparsa di Serifa in un'altra dimensione in seguito ad un incidente di laboratorio. Questo ha ulteriormente danneggiato la sua già fragile psiche, rendendola preda di cieca ambizione e sentimenti di rivalsa: convinta che il nome di suo padre vada dimenticato e cancellato dalla Storia coroniana, intende riprendere e superare i suoi antichi progetti incompleti, anche i più pericolosi, con totale noncuranza della sua stessa incolumità. Salita ai vertici del potere coroniano, si dimostra una dirigente spietata e crudele, rispettata e temuta dai suoi sottoposti. La sua folle determinazione non le consentono di ammettere gli errori nei suoi calcoli, allorché, quando il suo progetto "Ultima" naufraga (letteralmente!), decide di restare a bordo di una stazione spaziale condannata solo per dimostrare di essere superiore all'odiato genitore, nell'inutile tentativo di salvare l'irrecuperabile.

Storia

Korinna appare in cameo nel primo numero, dentro in una capsula insieme con sua sorella Juniper, poi appare, personalmente, per la prima volta in PK² 2 Solo un po' di paura senza però essere mai vista in volto e venendo chiamata Profunda, dal numero successivo viene introdotto a tutti gli effetti il suo personaggio.

Il passato

Korinna e Juniper da piccole

La storia della famiglia Ducklair è raccontata in alcuni albi a lei dedicata. In PK² 15 Il vero nemico, Everett spiega a Juniper la sua decisione di fuggire da Corona. Serifa Ducklair, avendo perso col matrimonio la possibilità di diventare regina, aveva trasferito sulle figlie le proprie ambizioni. Per questo era decisa a consegnare le sue bambine allo Stato perché le conservasse in animazione sospesa per dieci anni cosicché ricevessero le informazioni necessarie per governare al meglio il pianeta. Everett rifiutandosi di sacrificare le figlie e non riuscendo a convincere la moglie a rinunciare al progetto decise di abbandonare Corona. Una notte partì verso la Terra e durante il viaggio interstellare criocongelò le figlie. Giunto in orbita terrestre la nave precipitò nell'oceano ed Everett fu trovato in fin di vita sulla spiaggia. A causa dell'incidente aveva dimenticato ogni cosa del suo passato e visse per dieci anni sulla Terra intanto che le sue figlie crescevano in animazione sospesa all'interno della macchina che si era guastata con l'incidente. Così per ironia della sorte Juniper e Korinna ebbero proprio il futuro dal quale il padre aveva cercato invano di salvarle.

Lo scontro con Pikappa ed Everett

Copertina di PK² 17 Nel fuoco

Korinna riesce a svegliarsi dal criocongelamento molto tempo prima della sorella in una circostanza non del tutto chiara e a scappare dal padre verso il quale prova solo un profondo odio. Col nome di Profunda in PK² 3 La voce del buio controlla la mente dei senzatetto che vivono nelle fogne di Paperopoli e li guida contro Everett nel tentativo di liberare Juniper, ma fallisce. Affronta il padre in un duro scontro mentale dove rischia di avere la meglio, ma l'intervento di Paperinik la distrae abbastanza da consentire all'esperienza di Everett, maturata negli allenamenti mentali di Dhasam Bul, di resistere alla potenza pura delle onde mentali della figlia.

Non volendo ascoltare il padre, Korinna scappa a Goose Beach, un villaggio affacciato sull'Oceano Pacifico dove precipitò l'astronave di Everett e dove lui visse dieci anni della sua vita dimentico delle figlie e della sua identità. In questo paese si incontra con Pikappa in PK² 11 Il peso dei ricordi e gli esterna tutto il suo rancore nei confronti del padre. Inoltre rivela al supereroe che Everett è un alieno così come lo è tutta la sua famiglia. Non nutrendo rancore verso il papero mascherato, Korinna gli salva la vita, sperando invano che questo lo faccia sentire in debito e passare dalla sua parte nella guerra tra lei ed Everett. Korinnna tenta infine di riparare l'astronave del padre per tornare su Corona, ma fallisce e scampa a malapena all'inabissamento del relitto.

L'addio di Korinna/"Judith Taylor" a Sid e Nancy.

Tornata a vagabondare, si ritrova su un treno con Judith Taylor, una ragazza assunta da poco come babysitter dal signor Fletcher, un uomo d'affari paperopolese. Scoprendo che la famiglia per la quale costei dovrebbe lavorare non conosce il suo vero aspetto, Korinna decide di "prendersi" nome e cognome della malcapitata, cancellandole la memoria e rubandole i documenti. Per un certo periodo trama contro il padre in incognito, lavorando a Paperopoli per la famiglia Fletcher sotto il falso nome di "Judith Taylor". Facendo da babysitter ai piccoli Syd e Nancy, Korinna mette in pratica gli insegnamenti della madre Serifa, obbligando i due bambini a non perdere tempo con svaghi e divertimenti, costringendoli a rinunciare a giocare con animali domestici e peluche e a dormire con la luce spenta. Il signor Fletcher decide quindi di licenziare Korinna/"Judith", che nella sua follia non si rende conto di quanto fossero sbagliati i suoi metodi educativi: del resto, è con quelli che è cresciuta, sono la sola via che conosce. La giovane coroniana mostra tuttavia un fugace sprazzo di umanità, commuovendosi all'idea di dare l'addio a Syd e Nancy, ai quali - a modo suo - si era affezionata.

Nel penultimo numero si ricongiunge finalmente alla sorella Juniper, rivelando che le due sono state per tutto il tempo in contatto telepatico, che sono sempre state in combutta fra loro e che condividono l'idea di avere un pianeta da governare: e se non sarà Corona, sarà la Terra. Probabilmente è in questo momento che Korinna riesce ad accedere alla Ducklair Tower aiutata da Juniper, riprogrammando il Custode della Camera Omega per renderlo una spia al suo servizio.
Nell'episodio conclusivo della serie, insieme alla sorella cerca di eliminare il padre, per poter avere campo libero nella conquista della Terra e ottenere il futuro regale che Everett le aveva negato. Con l'aiuto di Pikappa, Everett riesce a sconfiggere Korinna e Juniper, ma capisce anche di aver fallito e sceglie di tornare su Corona con le figlie, per dare loro la vita che volevano e affrontare la giustizia del suo pianeta che da anni era sulle sue tracce.

Il ritorno su Corona e il progetto "Ultima"

Tornata su Corona e ricongiuntasi gioiosamente con sua madre Serifa, Korinna realizza il suo sogno. Mentre Juniper viene indirizzata alla carriera politica - a lei più congeniale - entrando nel parlamento coroniano, il Gran Consiglio, Korinna entra nel Collegio dei Tecnocrati per intercessione di Serifa, diventata Primo Consigliere Scientifico. Lì, la giovane riesce a trovare la sua strada: tra le due sorelle, è sempre stata quella più affine a scienza e tecnologia. Decisa a liberarsi dell'ingombrante retaggio di essere la "figlia d'arte" di Everett Ducklair, Korinna decide di oscurare la fama del padre e di dimostrare a tutti di essere superiore di lui, recuperando i suoi progetti dimenticati e incompiuti, quelli che persino lui ha ritenuto essere troppo pericolosi per continuarli, l'"orizzonte degli eventi" oltre il quale neanche lui ha mai osato andare. Tra questi, lo studio dei poteri del raggio nero dell'ex tiranno di Corona, Moldrock, alimentati dalla materia oscura: da lì, Korinna decide di creare una colossale macchina capace di imbrigliare quel potere e utilizzarlo per aprire uno squarcio nel multiverso, un passaggio tra le dimensioni per accedere a innumerevoli pianeti e risorse da depredare e conquistare per la gloria del regno di Corona, al cui trono era nel frattempo salita Juniper.

Le nuove scoperte portarono all'assoggettamento di una popolazione extradimensionale priva di vera mente e senzienza, i Drakariani, che divennero la nuova guardia pretoria dell'esercito coroniano. Le nuove scoperte portarono a un'ulteriore prosperità per il pianeta, ma l'eccessiva curiosità e brama di sapere di Serifa portarono alla sua disfatta: l'ex parlamentare e Prima Consigliera Scientifica sparì in un'esplosione di luce durante lo studio di materiali provenienti da un'altra dimensione, verosimilmente teletrasportata in qualche universo lontano senza possibilità di ritorno. La scomparsa della madre fu l'ultima goccia per la mente di Korinna, il cui cuore si indurì una volta per tutte: con spietatezza e determinazione, portò avanti quella che riteneva la sua eredità, il suo diritto di nascita e il miglior modo per onorare Serifa, manipolando la regina-fantoccio Juniper nel proseguire con il progetto Ultima. Divenuta il vero potere dietro il trono e la sovrana de-facto di Corona, ottenne l'onoreficenza di "Artiglio di Corona". Dotatasi di una tuta-armatura, inizia a sottoporsi costantemente alle radiazioni di materia oscura per prepararsi a superare in prima persona la barriera del multiverso: queste pericolose esposizioni ogni tanto le alterano temporaneamente gli occhi, che - dopo il trattamento, fortunatamente solo per pochi secondi - diventano completamente neri e con pupille bianche.

Korinna Ducklair, l'Artiglio di Corona.

A tal scopo usò il Custode per contrastare i piani di Everett e Pikappa, rapì Moldrock e tentò di usarlo per attivare la sua super-arma. Incontrandosi di nuovo con Pikappa e ritenendolo un traditore, gli scagliò contro il Razziatore, dopo averlo convinto coi suoi poteri mentali che la vita di Trip fosse in pericolo. Venne però sconfitta nuovamente in uno scontro mentale col padre, che liberò Moldrock. Il tiranno coroniano decise però di riconquistare ciò che era stato suo, deponendo Juniper e minacciando la vita di Korinna. Pikappa fu costretto quindi a sconfiggere il guerriero mutante, per salvare le figlie di Everett. Con Moldrock nuovamente prigioniero e Pikappa ed Everett fuori combattimento, Korinna attivò finalmente Ultima: l'effetto congiunto degli scontri precedenti (che avevano prosciugato due generatori della nave stellare) e dei calcoli sbagliati della coroniana portarono però al fallimento del suo piano. Ultima iniziò a crollare e ad essere risucchiata dal buco nero da essa stessa generato: un varco per il multiverso il cui campo gravitazionale attirò a sé la stazione spaziale. Mentre tutti abbandonavano la base, ormai condannata, Korinna si ostinò a restare a bordo, nel disperato tentativo di dimostrare ad Everett e a tutti che la sua genialità era superiore a quella dell'odiato padre, convinta di riuscire a salvare Ultima da sola. Rimasta con il Custode e un Moldrock prigioniero ad alimentare Ultima, Korinna decise di sfruttare il raggio nero del deposto tiranno per riattivare i generatori di Ultima. Malgrado ciò, Ultima scomparve in un'altra dimensione.

Juniper, sfruttando lo speciale legame mentale che ha sempre avuto con la sorella, riesce ad avere un breve contatto con lei, scoprendo che è ancora viva. Everett decide quindi di restare su Corona per aiutarla, mettendosi alla ricerca della figlia perduta. Korinna è effettivamente sopravvissuta in una dimensione misteriosa e sta per essere portata a bordo di un'astronave appartenente a quella che sembra essere una versione alternativa dell'Impero Evroniano, comandata da un misterioso Imperatore "Bianco". Sono ancora ignoti i progetti che questi evroniani hanno in serbo per Korinna, e se la vedono come una potenziale alleata o come una prigioniera...

Curiosità

  • Korinna e Juniper hanno i nomi di due delle lune che gravitano attorno al pianeta Corona.

Collegamenti esterni


Advertisement