PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Indiana Pipps e la scimitarra di Gengis Khan
  • Commenti




Indiana Pipps e la scimitarra di Gengis Khan è una storia in due parti di Bruno Sarda ed Emilio Urbano, pubblicata sul numero 2951 di Topolino. La storia fa parte della serie I custodi del mistero.

Trama[]

Parte 1[]

Indiana Pipps si trova nella laguna veneziana dove raggiunge la villetta fatiscente dei Danarone, che una volta era una ricca famiglia di Venezia. Indiana è alla ricerca della scimitarra di Gengis Khan che la leggenda vuole trasformi chi la impugni in un condottiero a cui tutti obbediscono. In un libro trovato accidentalmente in un mercato, ha scoperto che Marco Polo aveva scoperto l'ubicazione della spada e l'aveva scritta su una pergamena mandata poi ai Danarone che l'hanno conservata come una reliquia. Indiana ispeziona la biblioteca e, risolvendo un enigma, scopre la pergamena dove è riportato che Marco Polo incontrò un monaco tibetano che era in possesso della spada e la stava portando al Tempio dei Monaci Blu sulle pendici dell'Himalaya poiché troppo pericolosa. All'improvviso però qualcuno colpisce Indiana che si risveglia nella cantina che si sta riempendo d'acqua rischiando di farlo affogare. Per fortuna un misterioso sommozzatore entra da una botola e lo salva trascinandolo in superficie per poi sparire senza dire una parola. Confuso dagli eventi, Indiana decide di continuare la ricerca e si reca alle pendici dell'Himalaya in cerca del Monastero Blu. Parlando con un monaco questi gli spiega che per scoprire il sentiero segreto verso il tempio dovrà aspettare che "i raggi del sole riscaldino il cuore". Dopo una tempesta di neve, Indiana scopre che si tratta di un blocco di ghiaccio a forma di cuore ed il riflesso del sole su di esso indica la strada segreta verso il tempio. Mentre si incammina viene però attaccato e travolto da una grossa palla di neve; poco dopo qualcuno lo tira fuori ed Indiana capisce che si tratta del sommozzatore di prima che si allontana in sci senza dire nulla.

Indiana entra così dentro il Monastero Blu dove soccorre un anziano monaco che gli spiega che due delinquenti hanno cercato senza successo di estorcergli l'ubicazione della scimitarra. Il monaco dice di essere ormai l'unico custode rimasto ed apre un passaggio segreto sotto una statua dove porta Indiana poiché ha deciso di fidarsi di lui.

Parte 2[]

Il vecchio monaco consegna a Indiana la scimitarra di Gengis Khan dicendogli che ora spetterà alla sua coscienza decidere cosa farne. Quando Indiana esce dal passaggio segreto si imbatte nei due criminali; questi cercavano da tempo la spada ed avevano deciso di lasciar risolvere l'enigma all'archeologo per poi toglierlo di mezzo. Stavolta Indiana è pronto e sconfigge i due legandoli poi sul suo yak. Sulla via del ritorno, Indiana vede un profondo crepaccio e prende la decisione di buttarci la scimitarra poiché troppo pericolosa. Interviene però un terzo criminale armato, ma anche il suo misterioso salvatore che gli dà la possibilità di disarmare il criminale. Questi prende la scimitarra ed utilizza il suo potere per ordinare al misterioso individuo di attaccare Indiana. Ma la spada sembra non funzionare ed il criminale viene messo k.o..

A questo punto il misterioso individuo si rivela essere una ragazza di nome Lara Bell che, dopo essersi liberata dei tre, gli spiega che sono agenti del C.A.O.S., un gruppo criminale. Lei invece fa parte di un'altra organizzazione ed hanno voluto sottoporre Indiana ad un test per capire se è degno di farne parte; test che Indiana ha superato sia sul piano delle sue abilità che quella morale. Tutta la ricerca (dal ritrovamento del libro in poi) è stata in realtà organizzata da loro e così hanno ingannato anche quelli del C.A.O.S.. Il gruppo di Lara infatti ha già trovato la scimitarra di Gengis Khan e quella che ora hanno adesso è un falso, perciò non ha funzionato. Indiana non è molto contento di essere stato manovrato, ma accetta l'invito di Lara che stuzzica la sua curiosità.

In due viaggiano fino ad un isolotto dei Tropici non segnato dalle cartine dove si trova uno dei rifugi segreti del gruppo di Lara ovvero i Custodi del Mistero. Indiana viene così introdotto al Gran Consiglio dei Custodi del Mistero facendo la conoscenza del Professor Arkano che gli spiega come la Terra sia disseminata di oggetti e reperti dai poteri misteriosi e la loro missione è evitare che cadano in mani sbagliate come quelle del C.A.O.S. (e del loro capo Alan Bik). Alcuni di questi oggetti sono di origine aliena arrivata grazie agli Eones, alieni che visitarono la Terra diverse volte creando oggetti col loro metallo. Indiana fa la conoscenza degli altri membri: Amos Sapiens (tecnico del gruppo), Savana Joe (famoso archeologo), Lord Jason (che ha molte conoscenze importanti), Igor Blov (un agente segreto russo) e Toshiro Katana (finanziatore del gruppo).

Arkano chiede ufficialmente a Indiana se vuole entrare nel gruppo mostrandogli due calici: uno dorato da bere con loro, se accetta; ed uno nero che gli farà dimenticare tutto ciò che è successo negli ultimi giorni, se rifiuta. Indiana, dopo averci riflettuto, sceglie il dorato e diventa un membro dei Custodi del Mistero.

Pubblicazioni italiane[]

Storia precedente Indiana Pipps e la scimitarra di Gengis Khan Storia successiva
- 19 giugno 2012 Indiana Pipps e l'accordo diabolico

Indiana Pipps e l'Accordo Diabolico

Advertisement