PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
  • Destinazione Baytown
  • Commenti




Destinazione Baytown è la terza storia della serie Disney Le storie della Baia. La storia è scritta da Alberto Savini e disegnata da Marco Palazzi.

Trama[]

In città si sta tenendo il Duckport Day e il biglietto della lotteria di Paper Hoog viene estratto come biglietto vincente. Al molo Paper Hoog scopre di aver ricevuto come premio un'imbarcazione dal nome Turacciolo Terzo e sembra molto entusiasta del premio ma Moby Duck e Isidor sono piuttosto perplessi vedendo che l'imbarcazione e solo una vecchia bagnarola tutta rotta. Passando di lì il vecchio Lazy Jack rivela che il vero affare l'ha fatto Azimuth, che era il vecchio proprietario della barca, e lascia a Paper Hoog un foglio pieno di debiti da pagare accumulati sulla barca.

Cosi non sapendo come pagare tutti quei debiti Paper Hoog su consiglio di Isidor decide di vendere la barca pubblicando un'inserzione sul giornale mentre Moby Duck e Isidor cercano di aggiustare l'imbarcazione al meglio. L'indomani arrivano ben tre lettere di risposte all'annuncio, uno delle tre però e di pubblicità, mentre nelle altre due entrambe con un piccola caparra di due persone una interessata all'acquisto ma che desidera l'imbarcazione a Baytown mentre l'altra, del Signor Storm, per una piccola crociera in compagnia della nipote, Geraldina Storm.

Nemmeno il tempo di riflettere che l'ammiraglio Storm si trova già a Duckport mettendo un po' in difficoltà Paper Hoog e Moby Duck. Dopo essersi presentato l'ammiraglio Storm racconta di voler far vivere una bella esperienza per mare a sua nipote Geraldina che ha sempre vissuto in un collegio severissimo, sperando che ritrovi lo spirito marinaresco che lui pensa che la bambina abbia nel sangue proprio come lui. Moby prova a spiegare l'equivoco avvenuto in quanto che la barca è solo in vendita, ma accetta di portarli per un breve giro fino a Baytown, luogo in cui l'altro cliente attende la sua imbarcazione.

L'indomani sono tutti pronti a salpare, a bordo ci sono anche Isidor e Nina che hanno accettato l'invito di Moby Duck e per aiutarli nelle riparazioni della nave e nella cucina. L'ammiraglio è però triste poiché sua nipote Geraldina non vuole saperne di uscire dalla sua cabina e nemmeno dopo vari espedienti usati da Paper Hoog per fargli piacere un po' il mare sembra trovare la passione marinaresca dimostrando un atteggiamento molto snob finché non finisce per sporcarsi tutta inciampando su un barattolo di vernice ed è costretto a cambiarsi levandosi i suoi vestiti eleganti. Indossati alcuni abiti di Paper Hoog e scioltasi i capelli, la bambina inizia a trovare un po' dello spirito marinaresco e grazie anche ad alcuni complimenti ricevuti inizia a essere più sciolta e divertirsi.

La pace però non dura molto: un gruppo di pirati, la Banda Bassotti, guidati dal loro nonno, li abborda intenzionati a depredare la nave anche se su di essa non trovano nulla. Intenzionati a non arrendersi chiedono una bella zuppa calda che Nina lascerà cucinare a Geraldina, poiché le carte le hanno detto che sara lei a salvarli, e le dà un ingrediente segreto. Dopo aver assaggiato la disgustosa zuppa fatta dalla bambina i Bassotti si arrendono e lasciano la nave mentre in cucina Trippa fa rovesciare inconsapevolmente il sacco dell'ingrediente segreto di Nina nel pentolone con la zuppa, che altro non è che camomilla. Dopo aver liberato tutti dalla stiva Geraldina fa mangiare la sua zuppa a tutti che si addormentano dopo poco. Non avendo altro da fare Geraldina prende in mano il timone conducendo l'imbarcazione fino a Baytown dove una volta arrivati Moby e Paper Hoog decidono di vendere a loro la barca accontentando la richiesta dell'adorabile Geraldina che finalmente ha ritrovato quella felicità che suo nonno desiderava per lei. Prima dei saluti finali Paper Hoog chiede se l'ammiraglio Storm può riaccompagnarli fino a Baytown visto che sono sprovvisti di mezzi.

Ristampe[]

Storia precedente Destinazione Baytown Storia successiva
L'oro dello Sparviero

L'oro dello sparviero

24 luglio 2001 Minaccia dal fondo

Minaccia dal fondo


Advertisement