PaperPedia Wiki
Advertisement
PaperPedia Wiki
Disambiguazione – Se stai cercando un'altra nonna di Amelia creata da autori statunitensi, vedi Nonna Amelia.




Caraldina, a cui talvolta è assegnato il cognome De Spell[1], è la nonna di Amelia creata da Francesco Artibani e Lello Arena e disegnata da Giorgio Cavazzano. Appare per la prima volta in Amelia e la pietra pantarba del 1995, prima di una serie di storie in cui appare associata alla pronipote Minima ed a Rosolio.

Aspetto e carattere[]

Caraldina appare come una papera con lunghi e ricci capelli biondi e piuttosto alta, tanto che svetta sulla nipote. Indossa una camicia da notte color lavanda (talvolta verde [2]) a maniche lunghe e occhiali a mezzaluna con la catenella.

Caraldina vuole a tutti i costi far innamorare Amelia e cerca di farle capire quanto sia importante la famiglia. Nei suoi periodi di sonno tende a materializzare tutto ciò che sogna rendendo chi si trova a fianco a lei non troppo al sicuro. È una papera ottimista e spensierata; benché risulti generalmente svampita, è molto più saggia di quel che sembra. Dopo che Amelia le ha mostrato le proprietà eccitanti dell'espresso, non riuscirà più a farne a meno.

Famiglia[]

In base al sito di Topolino, Caraldina sarebbe la madre dei personaggi di Magnolia De Spell e di Donata (rispettivamente madre e zia di Amelia), apparse in Amelia in: Le origini di una fattucchiera[1].

Storia[]

Secondo la biografia di Amelia presente sul sito di Topolino (che fonde elementi di tre storie diverse), Caraldina avrebbe supportato la nipote nei suoi studi magici a partire dall'adolescenza, dopo che questa aveva lasciato la casa degli zii Donata e Gino. In questo periodo, sarebbe stata aiutata da un altro parente di Amelia, lo zio Gianni[3].

Nella sua storia di debutto, Caraldina e gli altri membri della famiglia aiutano a modo loro Amelia nella ricerca della pantarba, una leggendaria pietra magica in grado di attrarre a sé altri oggetti preziosi. Successivamente, in Amelia e la furia degli elementi, il portale per poter uscire dal regno delle streghe si apre in anticipo grazie ad un permesso ottenuto da Rosolio e cosi Nonna Caraldina può andare a far visita prima del previsto alla nipote. Ancora una volta Amelia sarà costretti a portarseli dietro nel suo viaggio per Roma alla ricerca della furia degli elementi. All'interno del tempio dove sono custoditi i preziosi manufatti degli dei che cerca Amelia, Caraldina ruba l'arco e le frecce di Cupido che lancerà, provocando numerosi disastri, durante l'attacco al Deposito di Paperone facendo innamorare erroneamente Paperino di Amelia e lei stessa di Paperone.

Dopo un'altra apparizione col resto della famiglia in una storia natalizia e alcuni camei, il personaggio non verrà più utilizzato fino ad Amelia e le 7 streghe vulcaniche del 2022; qui Caraldina appare da sola e agisce come consigliera della nipote.

Apparizioni[]

Curiosità[]

  • Caraldina viene spesso associata al personaggio di Nonna Amelia, un'altra nonna di Amelia creata nel 1966 da George Davie e Jim Fletcher. Tuttavia Artibani ha dichiarato che Caraldina è un personaggio originale non ispirato ad alcuna versione preesistente. L'associazione con il personaggio di Davie e Fletcher deriverebbe dal fatto che anche il personaggio di Caraldina venga chiamato "Granny De Spell" nelle traduzioni in lingua inglese[4].

Note[]

  1. 1,0 1,1 La Famiglia di Amelia - Paperi - Topolino Sito Ufficiale
  2. Si veda la prima apparizione del personaggio in Amelia e la pietra Pantarba o quella più recente in Amelia e le 7 streghe vulcaniche
  3. Amelia - Paperi - Topolino Sito Ufficiale
  4. Generation Duck - Le nonne di Amelia
Advertisement